CulturaLifestyle

Grande successo a Milano per l’evento culturale “Ogliastra-Isola della Longevità”

0
Ph. Alberto Rizzieri

Grande successo di pubblico e stampa per l’iniziativa culturale a ingresso gratuito “Ogliastra-Isola della Longevità”, organizzata negli spazi urbani di Scalo Lambrate, a Milano,  dall’Associazione Culturale Mater Dea, presieduta dal regista Mereu affiancato dalla vicepresidente ed event planner Ludovica Piras. L’evento si avvale del patrocinio dei comuni della Blue zone sarda  Arzana, Baunei, Talana, Urzulei, Villagrande e dell’Associazione Formidabile Lambrate, del Municipio 3, del Comune di Milano ed è stato sostenuto, inoltre, dalla Fondazione Sardegna Film Commission. L’Ogliastra è una delle cinque Blue zone al mondo. Il regista Pietro Mereu ha viaggiato tra i paesi di Arzana, Baunei, Talana, Urzulei e Villagrande Strisaili, in Ogliastra, una delle zone più isolate della Sardegna, per conoscere il popolo di ultracentenari che la abitano documentandone storie di vita, aneddoti, testimonianze che svelano il segreto dell’eterna giovinezza. «Un evento fortemente voluto e desiderato, che ha riscosso ampi consensi e ne siamo felici.- dichiara Mereu – La zona blu è un importante attrattore, non solo turistico ma utilizzabile anche per il ripopolamento dell’intera Ogliastra e della Sardegna. Sottolineo, ancora una volta, che ho deciso di proporre l’evento legato al mio documentario “Il Club dei centenari” agli amministratori e alle aziende del territori. Sono rimasto piacevolmente  colpito dal fronte compatto di tutti. Penso ad un format itinerante e la prossima tappa, probabilmente, sarà a Roma. Un progetto che tocchi, quindi,  le varie città italiane e straniere con l’obiettivo di divulgare i valori e le peculiarità della terra dei centenari».  Dopo i saluti di benvenuto, è stato proiettato il documentario di Pietro Mereu “Il club dei centenari”, che racconta la vita quotidiana di alcuni anziani centenari dell’Ogliastra ed alcuni scienziati che cercano di scoprire e giustificare le cause del fenomeno. Poi, la tavola rotonda-talk “Quale sarà il futuro delle Blue zone?”, per approfondire la tematica con i maggiori esperti sulla longevità, moderata dalla conduttrice tv Angela Rafanelli.

Tra i relatori del panel Gianni Pes (Ricercatore Blue zone), Giovanni Scapagnini  (Medico, ricercatore),  Anadela Serra Visconti, (Medico, conduttrice tv), Pietro Mereu (Regista), Raffaele Sestu (Medico dei centenari), Filippo Mattu (Tecnico sanitario esperto dell’esercizio fisico e di alimentazione sportiva), Marcello Romeo (Medico, ricercatore). Nel corso dell’ happening è stato presentato il nuovo progetto del filmmaker “Voglio essere centenario”. In un mondo ossessionato dai cibi sani e dalla longevità, il docu vuole mostrare l’applicazione di un modello, come quello delle comunità centenarie sarde, in un contesto urbano complesso come quello di Milano.  La proiezione rientra  negli eventi collaterali dell’esposizione Longevicity: Crossing Communities – Milan / Tokyo – fotografie di Laura Liverani, che conclude il percorso del progetto di ricerca Longevicity dell’Università di Milano-Bicocca, supportato da Fondazione Cariplo e coordinato da Stefania Bandini. Il progetto di ricerca cross-disciplinare sul futuro delle città dei longevi, condotto tra Milano e Tokyo, sarà esposto negli spazi di Scalo Lambrate  fino al prossimo 6 gennaio Infine, l’attesissimo Aperitivo dei Centenari per scoprire e degustare una selezione di vini provenienti dalla Cantina Ogliastra, i formaggi del Caseificio Silvio Boi, i salumi di Fattorie Gennargentu,  i tradizionali culurgiones del Pastificio Arra e il pane del Panificio Ferreli, direttamente dalla terra della longevità. Main Sponsor Energit Gas e Luce, sponsor tecnici Valsambro Laboratorio Analisi –Mitochon Dermocosmetics.

“Retroactive” è il nuovo singolo di The 24 Project

Previous article

Al fianco del coraggio, storie di donne coraggiose raccontate dai loro uomini

Next article

You may also like

Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in Cultura