Musica

ANTHONY PHILLIPS: LA GRANDE MUSICA D’AUTORE IN ARCHIVE COLLECTION VOL. I & II

0
Dopo il successo delle serie di Private Parts & Pieces e di Missing Links, l’Esoteric Recordings ha annunciato per il prossimo 28 gennaio 2022 (pre-order tramite Cherry Red e Amazon) la release di una nuova antologia contenente la meravigliosa musica di Anthony Phillips del passato, con tanto materiale inedito e pezzi rari e da collezione. Una gioia per i numerosissimi ammiratori del chitarrista britannico, membro fondatore dei mitici Genesis, che si è sempre contraddistinto per il suo innato talento musicale e la sua creatività e che nei 5 cd di Archive Collection I & II potranno trovare molto della maestria e della bellezza delle composizioni dell’ammirato musicista. Curato dall’archivista Jon Dann, esperto nella preparazione di tante antologie del chitarrista, Archive Collection Vol. I & II contiene delle antiche registrazioni di Phillips, alcune delle quali erano già state incluse nel primo Genesis Archive box  pubblicato nel 1998. Ovviamente a rendere la nuova Collection del noto musicista ancora più apprezzabile è il contrasto con lo stile delicatamente datato di alcune composizioni con la moderna tecnologia con la quale sono state rese, con una grande qualità del sound moderno. Il primo volume di questa nuova release è stato pubblicato originariamente nel 1998 e contiene ben 23 pezzi composti da Anthony insieme a Mike Rutherford, bassista dei Genesis e partner musicale di lunga data, in talune situazioni, di Anthony. Dalle stesse session provengono anche alcuni demo di The Geese and the Ghost, il primo album solista del chitarrista che ha favorevolmente stupito gran parte del pubblico e della critica internazionale. Per chi ama la musica melodica di alto livello, sono incluse anche le ballads God If I Saw Her Now e Which Way the Wind Blows, con le vocals di Anthony, nonché la versione strumentale del “classico” Master of Time. Il secondo volume risale al 2004 e contiene una grande varietà di pezzi risalenti a periodi diversi e di sicuro interesse storico. Il brano centrale è la Scottish Suite, con parte della musica che Anthony Phillips scrisse per il progetto Macbeth nel 1976 senza però usarli. Incluso anche Old Wives Tale, eseguito come assolo di chitarra nel 1968 dai Genesis. Quindi c’è l’affascinante musica ed atmosfera di The Masquerade Tapes, materiale scritto dall’artista inglese nel 1980 per un musical basato sul libro di Kit Williams. Bn 15 pezzi rivisitati in modi originali ed eclettici, con l’uso del synth e del piano, ma anche con parti vocali courtesy di Lindsey Moore. Archive Collection Vol. I & II è sicuramente un prodotto da collezionisti ma al tempo stesso adatto anche per i fruitori della buona musica in linea generale. D’altronde negli anni Anthony Phillips non ha mai deluso il pubblico ed ha dimostrato grande eclettismo e creatività da vendere, unito ad un altissimo standard esecutivo, sia alla chitarra che al pianoforte con incursioni alle vocals. Compositore, produttore e cantante, Anthony ha raggiunto la grande fama come chitarrista originario dei Genesis con i quali dal 1967 al 1970 ha realizzato gli album From Genesis to Revelation e Trespass, classici insuperabili del rock progressive. Ma Anthony ha continuato la propria crescita musicale molto al di la dei Genesis, avviando da subito una fruttuosa carriera solista, a partire dall’album The Geese & The Ghost del 1977. Il percorso di Phillips è poi continuato con tantissimi album solisti, acclamate produzioni per la televisione nonché tantissima library music. Ha collaborato negli anni con tanti nomi celebri come i Camel, Mike Rutherford, Steve Hackett, John Hackett, ProgAid e tanti altri. Il suo approccio alla operatic music stato a dir poco brillante grazie al cd Seventh Heaven, realizzato con Andrew Skeet nel 2012. I travolgenti pezzi del cd sono stati trasmessi regolarmente dalle maggiori stazioni radiofoniche di musica classica in Europa e nel mondo. Il talento di Anthony e il suo grande contributo alla scena prog rock (ma non soltanto) mondiale è stato premiato con il Grand Design Award ai Prog Rock Awards del 2016, con premiazioni tenutesi a Londra. La musica senza tempo di Anthony Phillips ha fatto innamorare anche la più grande pianista esistente al mondo, Martha Argerich che, in duetto con Gabriele Baldocci ha suonato in Spagna in anteprima nel 2018 il brano da lui composto intitolato Gemini.

Digital Media Fest, tutti i premiati dell’edizione 2021

Previous article

Fuori il videoclip del brano “ENDLESS TIME” di JABONI

Next article

You may also like

Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in Musica